MOBILITÀ, BIG DATA, AEROSPAZIO: POLITECNICO NEI SETTORI STRATEGICI PER L’ATTUAZIONE DEL PNRR

Student CenterCusano

Una task force coordina i lavori nelle varie aree tematiche. A livello regionale, è aperto un tavolo con le altre università nel settore salute umana e ambiente

Mobilità sostenibile, ambiente ed energie alternative in primo piano, ma anche aerospazio, big data, intelligenza artificiale e nuove tecnologie per le telecomunicazioni. L’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza entra nel vivo, con progetti ad alto impatto nei settori-chiave per gli obiettivi di sviluppo sostenibile dei prossimi anni.

Nell’ambito della missione 4 del PNRR, “Istruzione e Ricerca” e della componente 2 “Dalla Ricerca all’Impresa“, il Politecnico di Bari assumerà la titolarità di due Spoke del Centro Nazionale per la mobilità sostenibile e sarà affiliato ad altri due Spoke dello stesso Centro. Ad ulteriori 5 Spoke sarà affiliato per quanto riguarda il Centro Nazionale per Simulazioni, calcolo e analisi dei dati ad alte prestazioni.

In entrambi i Centri Nazionali, il Politecnico farà parte dei relativi Hub, che sono in fase di costituzione e che assumeranno la forma giuridica di fondazioni o società consortili. Inoltre, il Politecnico sarà presente negli Ecosistemi dell’innovazione – altro strumento di attuazione del PNRR – con 2 Spoke nell’ambito della Tutela dell’ambiente (come soggetto titolare) e altri 4 Spoke (come affiliato) nel campo della Salute dell’uomo o in settori trasversali.

Le università pugliesi, infatti, stanno redigendo un programma, condiviso con la Regione, sulla linea della Smart Specialization Strategy della Regione dedicato alla salute dell’Uomo e dell’Ambiente, dal titolo Innovation Ecosystem for health and environment. All’Ecosistema partecipano, come affiliati, anche le Università della Basilicata e del Molise.

Tutti i bandi di questi interventi sono in corso, mentre sarà pubblicato a breve il bando del Ministero dell’Università e della Ricerca che renderà operativo un ulteriore strumento del PNRR, ossia i Partenariati Estesi, nell’ambito dei quali sono aperti diversi tavoli tematici, a livello regionale e nazionale.

Le aree di interesse del Politecnico spaziano dall’Intelligenza artificiale agli scenari energetici del futuro, dal Made-in-Italy circolare e sostenibile alle Telecomunicazioni, fino alle attività spaziali. Anche sulle Infrastrutture di ricerca e tecnologiche di innovazione, ulteriore misura PNRR, i lavori sono in corso e a tutto campo per intercettare bandi e presentare proposte vincenti e dalle concrete prospettive di sviluppo per il Territorio e per il Paese.

Tutte le attività del Politecnico di Bari nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza sono coordinate da una Task Force PNRR ,voluta e presieduta dal rettore, Francesco Cupertino, della quale fanno parte i suoi delegati alla Ricerca, Giuseppe Pascazio, alla Terza missione e trasferimento tecnologico, Vincenzo Spagnolo, alla Valorizzazione della Ricerca, Antonio Messeni Petruzzelli, insieme con la responsabile del Settore Ricerca, Relazioni Internazionali e Post Lauream, Antonella Palermo.

La task force è affiancata da un gruppo di docenti nel ruolo di referenti delle tematiche scientifiche e si relaziona costantemente con i partner privati dell’Ateneo. Intanto, otto progetti del Politecnico sono stati ammessi alla seconda fase del bando “Ecosistemi dell’Innovazione per il Mezzogiorno” promosso dal Ministero per il Sud e dal PNRR, su un totale di quaranta proposte provenienti, complessivamente, dalla Puglia.

Tutte le info e i documenti sulle attività del Politecnico in ambito PNRR sono sul sito http://www.poliba.it/ricerca/pnrr

Per contattare la task force PNRR: pnrr@poliba.it

Ancora nessun commento

I commenti sono disabilitati